Ricerca. Casi clinici.

Efficacy of Individualized Homeopathy in Treatment-Resistant Depression

Pubblicato su Cureus Journal of Medical Science. Ottobre 2021

 

La depressione maggiore resistente al trattamento (TRD), definita come una risposta insufficiente ad almeno due trattamenti antidepressivi, viene solitamente trattata con antidepressivi, psicoterapia, terapia elettro-convulsivante, stimolazione magnetica transcranica ripetitiva e stimolazione del nervo vago o combinazioni di questi.

Tuttavia, il tasso di risposta è modesto e, in molte occasioni, insufficiente o inesistente.

Qui descriviamo il caso di una donna di 19 anni con una storia di TRD, trattata per la depressione dall’età di cinque anni. I suoi sintomi erano resistenti a fluoxetina, escitalopram, atomoxetina e psicoterapia.

È stato iniziato un trattamento omeopatico individualizzato con Staphisagria, Nux vomica, Arsenicum album e Lachesis trigonocephalus. La posologia è stata effettuata in dinamizzazioni 200CH.

Il trattamento è stato prescritto per quattro mesi. Questo ha portato a un miglioramento immediato dell’umore e a una riduzione sostenuta e graduale dei sintomi depressivi e, di conseguenza, a una riduzione e poi alla cessazione della terapia farmacologica con antidepressivi e della psicoterapia.

Al follow-up di otto mesi dopo, il paziente è libera dalla depressione e dai farmaci.

Questo caso di studio riconferma l’utilità dell’omeopatia nel trattamento della depressione. Suggerisce anche che il trattamento omeopatico individualizzato coso per caso, può essere utile nei casi di depressione resistente al trattamento.

 

Comunicazione a cura di:
Centro Ricerche Biomediche
SIMOH, Scuola Italiana di Medicina Omeopatica Hahnemanniana
Via Giovanni Miani, 8 – 00154 Roma